Montréal celebra i sapori italiani

Al Marché Bonsecours, per la XXIIa edizione di “A Tasting of Wines from Italy”, erano presenti 106 aziende, provenienti da 17 regioni, con oltre 500 etichette, tra cui 3 de “La Pizzuta del Principe”, azienda calabrese di Strongoli (Crotone) rappresentata da Luigi Ceraudo. La giusta “cornice” per il lancio della 2ª edizione della Settimana della Cucina italiana nel mondo, in programma in città dal 20 al 26 novembre

I tre vincitori del Premio “Miglior Sommelier” in posa, tra gli altri, con Paul Caccia (ITHQ), il Console Generale Rusconi ed il Delegato commerciale  Picariello

I tre vincitori del Premio “Miglior Sommelier” in posa, tra gli altri, con Paul Caccia (ITHQ), il Console Generale Rusconi ed il Delegato commerciale Picariello

di Vittorio Giordano

MONTRÉAL – Con la degustazione di Montréal, il 3 novembre scorso, al Marché Bonsecours, si è conclusa la XXII edizione di “A Tasting of Wines from Italy – Une dégustation de vins d’Italie”, il grande roadshow del vino italiano in Canada organizzato dall’ICE, Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane. Un viaggio coast-to-coast che ha ‘toccato’ le città di Vancouver, Calgary, Toronto e, appunto, la metropoli quebecchese. Oltre 1.500 visitatori a Montréal ed altrettanti a Toronto hanno potuto degustare le eccellenze enologiche italiane presentate da 106 aziende provenienti da 17 regioni con oltre 500 etichette, attratti da un mercato in costante crescita. Molti gli espositori provenienti da territori con una storica tradizione, come Toscana (28 produttori), Piemonte (20), Veneto (17), Friuli Venezia Giulia (11), e Sicilia (8) . Degna di nota, infine, la presentazione dal titolo “Friuli Venezia Giulia: Aux Racines de l’Histoire moderne du Vin Italien” tenuta da Walter Filiputti, presidente del “Consorzio Friuli Venezia Giulia Via dei Sapori”. Tra gli ospiti Giovanni Da Pozzo, presidente della Camera di Commercio di Udine; Matteo Picariello, Delegato commerciale d’Italia in Canada, e Marco Riccardo Rusconi, Console Generale d’Italia a Montréal. In occasione del 150º anniversario del Canada e del 375º di Montréal, inoltre, sono state organizzate tre attività ‘collaterali’: un seminario sui vini spumanti dal titolo “L’effervescence à l’italienne – les appellations des bulles en Italie”; un “cocktail dinatoire” destinato ai produttori, operatori e stakeholders locali; e la premiazione dei vincitori del Premio “Miglior Sommelier”, iniziativa organizzata in collaborazione con l’ITHQ, Institut de tourisme et d’hôtellerie du Québec. I NUMERI – Il Canada è uno dei maggiori Paesi consumatori di vini di importazione e si situa al 6º posto al mondo nel 2016 con 413 milioni di litri di vino importato (+0,5% rispetto all’anno precedente) ed il 2º Paese nel mondo per velocità di crescita. L’Italia è attualmente il 1º Paese esportatore di vini in Canada in termini di volume con 730.000 ettolitri, il 3º fornitore mondiale dopo USA e Francia in termini di ricavi che hanno raggiunto, nel 2016, la cifra di CAD 483 milioni, in aumento del 4,6% sul 2015. Nel 2016, le etichette italiane hanno rappresentato il 17,7% della quota di mercato all’importazione in termini di quantità e il 20,6% in termini di valore, posizionandosi nella fascia alta del mercato. Nei primi 6 mesi del 2017, l’Italia segna una variazione di +13,4% nel valore delle esportazioni di vino rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

LA SETTIMANA DELLA CUCINA ITALIANA NEL MONDO – La degustazione dei vini ha rappresentato anche la giusta ‘cornice’ per il lancio della seconda edizione della Settimana della Cucina italiana nel mondo, che a Montréal si terrà tra il 20 ed il 26 novembre. Meritano una menzione speciale l’Aperitivo Made in Italy, che si terrà nell’esclusiva cornice del Fairmont Le Chateau Frontenac durante la serata di Gala della Tablèes des Chefs, partner della fondazione Food Fot Thought di Massimo Bottura e prossima all’apertura di un refettorio a Montréal. Non mancherà l’abbinamento con le quattro ruote: il nuovo concessionario Alfa Romeo Montreal promuoverà infatti il binomio “slow food/ fast cars”. Si rafforza, infine, l’asse con Bologna, da dove sono in arrivo cuochi italiani specializzati nel biologico che faranno dei master classes.
Per il programma completo: www.consmontreal.esteri.it.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*