Chi sarà il prossimo Sindaco di Montréal?

Domenica 5 novembre elezioni municipali in Québec

elezioni-mtl-17

Montréal – Tutto pronto nella Belle Province per le elezioni municipali di domenica 5 novembre. In palio ci sono 8.000 posti di consiglieri in 1.105 città del Québec. A Montréal, Denis Coderre, Sindaco in carica, cerca la riconferma a scapito di Valérie Plante, leader di Projet Montréal, dal 2013 consigliera municipale di Ville-Marie, sostenuta anche da Jean Fortier, leader di ‘Coalition Montréal’, ex presidente del comitato esecutivo dell’amministrazione di Pierre Bourque. In lizza anche i candidati indipendenti Bernard Gurberg, Fabrice Ntompa Ilunga, Tyler Lemco, Philippe Tessier e Gilbert
Thibodeau.

TRA REALIZZAZIONI E PROMESSE

Denis Coderre è orgoglioso di quanto già fatto: lo statuto di Metropoli per Montréal; il taglio degli sprechi e il ritorno al budget in attivo; il nuovo patto fiscale con la Provincia; una distribuzione più equa dei finanziamenti agli arrondissements; ponti, strade e autostrade più sicure; più BIXI, più alberi; acqua più pulita; basta sacchi di plastica e lotta alla povertà. Dal canto suo, Valérie Plante guarda al futuro: meno tasse per le famiglie (abolizione della tassa di “Benvenuto” per quelle con figli a carico) ed i commercianti danneggiati dai cantieri stradali, che saranno monitorali da un dipartimento dedicato della polizia, con un’unità specializzata nel controllo della qualità; creazione di una nuova metro e acquisto di 300 nuovi autobus per decongestionare il traffico, con il trasporto pubblico gratuito per giovani e anziani.

103 SEGGI

Domenica, però, i montrealesi si recheranno alle urne non soltanto per eleggere il Primo Cittadino della città, ma anche per scegliere i Sindaci dei 18 arrondissement (il Sindaco di Montréal è automaticamente anche il Sindaco di Ville-Marie), 46 consiglieri comunali e 38 consiglieri municipali. Complessivamente,  gli eletti saranno 103. La composizione del consiglio comunale dipende dalla densità demografica dei singoli quartieri: più residenti, più consiglieri comunali. A Québec city, Régis Labeaume, Sindaco dal 2007, chiederà ai suoi elettori l’ennesima riconferma: questa volta dovrà vedersela con Anne Guérette, di Démocratie Québec, e Jean-François Gosselin, di Québec 21.

I CANDIDATI “ITALIANI” NELL’ISOLA DI MONTRÉAL

Nel quartiere di Saint-Léonard Michel Bissonnet si ricandida con Dominic Perri, Patricia Lattanzio, Mario Battista e Lili-Anne Tremblay. Il Sindaco uscente dovrà vedersela con la squadra di Project Montréal, che ‘schiera’: Julie Caron come candidato Sindaco e Arij-Abrar El Korbi, Giovanni Capuano, Oualid Frej e Anick Druelle come candidati consiglieri. Da notare la corsa a Sindaco anche dell’indipendente Tommaso Di Paola. Nell’arrondissement di Anjou, a sfidare Luis Miranda (Équipe Anjou), Sindaco dal 2001, e Rémy Tondreau (Projet Montréal), nella cui squadra si candida anche Julie De Martino, sarà Angela Mancini (Èquipe Coderre) con Michèle Gagné, Mario Robert, Michele Di Genova Zammit e René Gauthier. Nel quartiere di Rivière-des-Prairies–Pointe-aux-Trembles, a contendere la rielezione di Chantal Rouleau (Équipe Denis Coderre), che tra le sue fila punta, tra gli altri, su Giovanni Rapanà, sarà Pietro Mercuri (Projet Montréal). Per ‘spodestare’ Manon Barbe (Prima Cittadina di LaSalle dal 2003), che nel distretto di Sault-Saint Louis si affida a Laura Palestini (Équipe Barbe Team) e in quello di Cecil-P.-Newman punta su Josée Troilo (entrambi come consiglieri municipali), Denis Coderre risponde con Monique Vallée: la candidata-Sindaco confida, tra gli altri, su Pino Asaro, che mira a conquistare il distretto di Cecil-P.-Newman come consigliere comunale. Per riuscirci dovrà vedersela con Yasmina El Babarti Jimenez (Projet Montréal), Lise Zarac (Équipe Barbe) e Carolina Caruso (indipendente). Qui di seguito tutti gli altri candidati italiani: Giovanna Giancaspro (Coalition Montréal)  nell’arrondissement di Ahuntsic-Cartierville; Gabriel Retta (Èquipe Coderre) e Gianpaolo Trani (indipendente) a Cote-des-Neiges – Notre-Dame-de-Grace; Dominic Rossi (Équipe Dauphin Lachine) a Lachine; Normand Marinacci (Projet Montréal) all’Île-Bizard–Sainte-Geneviève; Richard Celzi (Équipe Denis Coderre) a Mercier–Hochelaga-Maisonneuve; Chantal Rossi (Équipe Denis Coderre) a Montréal-Nord; Fanny Magini (Projet Montréal) nell’arrondissment di Outremont; Manuela De Paoli (Vrai changement pour Montréal) nel quartiere di Pierrefonds-Roxboro; Francesco Miele (Équipe Denis Coderre) nell’arrondissment di Saint-Laurent; Giuliana Fumagalli e Rosannie Filato (Projet Montréal – Équipe Valérie Plante) nel quartiere di Villeray–Saint-Michel–Parc-Extension. Candidati italo-canadesi anche fuori dal Comune di Montréal, ma sempre all’interno dell’isola: Dino Mazzone si candida a consigliere nel comune di Montréal Ouest; così come Mario Prata (Èquipe Coutu) nel comune di Montréal-Est e Antonio D’Amico nel comune di Westmount. Nel comune di Baie-d’Urfé, Maria Tutino (Équipe Baie-D’Urfé Team) si candida a Prima Cittadina, mentre Giovanni Farinacci e Josie Caruso puntano a diventare consiglieri. Al posto di consigliere punta anche Rob Mercuri, nel comune di Beaconsfield. Italo-canadesi candidati anche nel comune di Kirkland: Luciano Piciacchia nel distretto di Holleuffer e Domenico Zito nel distretto di Lacey-Green Est. Un po’ di tricolore anche a Pointe-Claire: John Belvedere candidato Sindaco, Michael D’Arrisso per il posto di consigliere del di Cedar/LeVillage e Stephen Cascioli come consigliere del distretto di Lakeside. A Dorval, due italo-canadesi si candidano a Sindaco: Giovanni Baruffa e Mario Mammone; come consiglieri Michele Nizzola nel distretto Désiré-Girouard, Claudio DiLorenzo nel distretto Fénelon ed Antonella Rosa Mendicino nel distretto Strathmore.

I RISULTATI DEL 2013

In Québec le elezioni comunali si svolgono ogni 4 anni, la 1ª domenica di novembre: le prossime si terranno il 7 novembre 2021, mentre le ultime si sono tenute il 3 novembre 2013. Quattro anni fa Denis Coderre ha conquistato il 32% dei consensi, seguito da Mélanie Joly (26%), Vrai Changement pour Montréal, Richard Bergeron (25%), Project Montréal, e Marcel Coté (13%), Coalition Montréal. L’affluenza è stata del 43,3%, quattro punti in più rispetto al 2009. Gli elettori iscritti alle liste elettorali sono 1.139.000, 38 mila in più rispetto al 2013.

IL 6,54% HA GIÀ VOTATO

Malgrado la pioggia, il 6,54% degli elettori montrealesi – ossia 74.733 cittadini – si sono già recati alle urne (25, in tutto, gli uffici elettorali aperti) domenica scorsa, 29 ottobre, dalle 12 alle 20, esercitando il “voto anticipato”. Un risultato migliore rispetto al 2013, quando a votare con una settimana di anticipo era stato il 5,58% degli aventi diritto.

GLI ULTIMI SONDAGGI

La sfida è più che mai aperta ed ogni voto potrebbe rivelarsi decisivo. Secondo un ultimissimo sondaggio CROP/Radio-Canada divulgato lunedì mattina, Valérie Plante conquisterebbe il 39% dei consensi, contro il 37% a favore di Denis Coderre. Gli indecisi sarebbero ancora il 17% degli aventi diritto. Secondo un altro sondaggio, firmato Léger Marketing e reso pubblico la settimana scorsa, Plante e Coderre sarebbero a pari merito, con il 38% a testa nelle intenzioni di voto. Coderre sarebbe avanti tra i francofoni e Plante tra gli anglofoni.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*