Justin Trudeau avverte i profughi: “Rispettate le regole”

Il Primo Ministro corre ai ripari dopo l’arrivo di migliaia di Haitiani irregolari

Crossing to Canada

Nel frattempo il Québec, ‘preso d’assalto’ al valico di Saint-Bernard-de-Lacolle, ha stanziato 2.5 milioni $ e si appresta a distribuire 5 mila assegni sociali ai richiedenti asilo

di Vittorio Giordano

Ottawa – Il Canada resta un Paese aperto e accogliente, dal cuore grande e da sempre sensibile ai bisogni dei più deboli. Ma ci sono delle regole che non possono essere baypassate, nemmeno dai richiedenti asilo. Umanità sì, ma non a scapito di procedure di accoglienza efficaci e collaudate. È questo il senso delle parole del Primo Ministro, Justin Trudeau, che nei giorni scorsi ha ‘richiamato all’ordine’ i profughi haitiani che nelle ultime settimane hanno attraversato illegalmente la frontiera canadese in cerca di asilo. Una mezza marcia indietro di chi, smarcandosi dalle posizioni anti-immigrazione di Trump, aveva forse esagerato con le promesse di accoglienza.

IL TWEET CONTRO IL TRAVEL BAN DI TRUMP – Lo scorso gennaio, dopo la firma del presidente degli Stati Uniti del “travel ban” per limitare l’accesso negli Stati Uniti ai cittadini di sei paesi a maggioranza musulmana e ai rifugiati, Trudeau aveva tweettato: “A tutti coloro che scappano dalle persecuzioni, dal terrore e dalla guerra, il Canada vi darà il benvenuto, indipendentemente dalla vostra fede. La diversità è la nostra forza”.

UN ESODO DI OLTRE 11 MILA “IRREGOLARI” – E gli immigrati lo hanno preso in parola: dall’inizio dell’anno si stima che più di 11.300 persone, per l’85% Haitiani, abbiano attraversato a piedi il confine tra il Canada e gli Stati Uniti. Prendendo d’assalto il valico quebecchese di Saint-Bernard-de-Lacolle. Un esodo che ha conosciuto un picco nei mesi di luglio e agosto, quando si sono registrati aumenti del 300%. Peccato, però, che lo hanno fatto in maniera illegale, attraverso località remote e non custodite, senza cioè passare per i posti di polizia preposti al confine. Mettendo in crisi il sistema di accoglienza canadese. Tanto che lo Stadio Olimpico di Montréal è stato adibito ad accampamento temporaneo. E la Commissione canadese per Immigrazione e Rifugiati ha parlato apertamente di situazione “insostenibile”.

VISTO USA PER GLI HAITIANI IN SCANDENZA – Alla base di questa ‘onda anomala’ haitiana, il Visto in scadenza negli Usa. Dopo il terremoto del 2010, infatti, negli Stati Uniti sono arrivate circa 58 mila persone da Haiti: lo status di protezione temporanea, però, scade a gennaio 2018 e, se l’amministrazione di Trump decidesse di non prorogarlo, sarebbero costretti a fare ritorno nell’isola caraibica. Da qui il viaggio della speranza irregolare in Canada.

LA MARCIA INDIETRO LIBERALE – Fenomeno a cui Trudeau ha deciso di porre un freno: “La nostra è una società aperta e accogliente – ha detto il leader liberale, di passaggio a Montréal – perché i canadesi hanno fiducia nel nostro sistema di immigrazione e nelle nostre leggi”. Da qui l’avvertimento: “Non ci sarà alcun vantaggio nell’entrare in Canada in modo irregolare”. Quindi l’affondo finale: “Dovete seguire le regole, e ce ne sono tante”. Ma non ha escluso la possibilità di accordare dei permessi di lavoro temporanei, come richiesto dalla Ministra dell’Immigrazione quebecchese, Kathleen Weil.

LA MISSIONE DI DUBOURG A MIAMI – Per spiegare meglio il concetto, il deputato liberale Emmanuel Dubourg è volato a Miami per incontrare la comunità haitiana: “La disinformazione resta il principale nemico da combattere”, ha affermato il parlamentare di Bourassa, che poi ha spiegato: “I messaggi sui social media suggeriscono che il governo canadese garantisce ai richiedenti asilo un libero accesso al Canada. Questo è assolutamente falso e induce le persone a prendere decisioni sbagliate”.

CONSERVATORI ALL’ATTACCO – Naturalmente, in vista delle elezioni nel’ottobre 2019, il Partito Conservatore è già partito all’attacco: “Il nostro sistema di accoglienza è nel caos – ha dichiarato la deputata conservatrice Michelle Rempel –: penso che questo dipenda soprattutto dai messaggi inconsistenti usciti dalla fabbrica comunicativa personale di Trudeau”.

2.5 MILIONI $ IN ASSEGNI SOCIALI – Sotto pressione, nel frattempo, è finito anche il governo Couillard, che ha stanziato 2.5 milioni $ per i richiedenti asilo: dal 30 agosto al 1º settembre saranno distribuiti quasi 5 mila assegni sociali al Palazzo dei Congressi di Montréal, ovvero 623 $ per ogni rifugiato. Una procedura abituale per chi fa domanda di asilo, ha specificato il Ministro quebecchese del Lavoro e della Solidarietà sociale, François Blais, ma che non ha mitigato le critiche delle opposizioni (perplessità sia da Jean-François Lisée del Parti Québécois che da François Legault della Coalition avenir Québec), che si chiedono quale impatto possa avere questo provvedimento sulle tasche dei cittadini della Belle Province. 

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*