La Juve corre. Roma e Napoli non mollano Lazio-Milan 1-1

di Giovanni Albanese

La Juve corre, anche se Roma e Napoli stanno attaccate al treno. Per Inter e Atalanta l’Europa non è più utopia. 1-1 tra Lazio e Milan. Riccardo Cucchi, voce della radio italiana a Germania 2006, si ritira: “È davvero tutto”

juve4354534

MILANO. “Come te nessuno mai”, recita uno striscione che svolazza sugli applausi nel pre partita Cagliari-Juventus. In campo, prima dell’ingresso delle squadre, c’è Gigi Riva, storica bandiera del club sardo e icona del calcio italiano bianco e nero. A lui, un riconoscimento straordinario da parte di tutto il pubblico presente mentre il presidente del Coni, Giovanni Malagò, gli consegna il “Collare d’oro”. Riva, sempre di poche parole, si commuove nell’abbraccio caloroso dei capitani delle due squadre, Daniele Dessena e Gianluigi Buffon, come il nonno che guarda con gli occhi lucidi i nipotini ed è orgoglioso di vedere quella passione ancora viva, dietro un pallone. Il calcio giocato passa in secondo piano. Perché l’ultimo week end di calcio in Italia è stato anche quello dell’ultima radiocronaca di Riccardo Cucchi, un’altra colonna di “Tutto il calcio minuto per minuto”, storico programma di Radio Uno, che raccontò l’impresa azzurra a Germania 2006. L’ultimo “è davvero tutto” della voce storica della redazione sportiva di Radio Rai chiude un libro di storia dal quale tanti giovani hanno solo da imparare, tanto. Il calcio giocato, come detto, passa in secondo piano. Perché in Serie A la Juventus continua a farla da padrona, liquidando con il più tradizionale dei risultati il Cagliari. Roma e Napoli tengono il passo, vincendo rispettivamente contro Crotone e Genoa. Torna al successo l’Inter, che batte l’Empoli. Mentre l’Atalanta adesso sogna concretamente l’Europa, visto che il successo sul campo del Palermo gli consegna la quarta posizione in classifica. Prima vittoria del 2017 per il Torino, che strapazza il Pescara. Il Chievo espugna il campo del Sassuolo, mentre la Sampdoria inanella la terza vittoria di fila contro il Bologna. Un capitolo a parte la meritano i cannonieri: Higuain (Juventus), grazie alla doppietta con il Cagliari, raggiunge in testa alla classifica Dzeko (Roma), a quota 18 reti. Segue a 17 reti Belotti (Torino), che con il Pescara ne mette dentro due, superando Mertens (Napoli) che resta a 16. Resta agganciato al treno dei bomber più prolifici della Serie A Icardi (Inter), fermo a quota 15 reti.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*