Lotta al terrorismo, Ban Ki-moon
si congratula con Coderre

La visita del segretario generale dell’ONU

ban-ki-moon-mtl

Montréal – Il 12 febbraio scorso, il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, è stato ricevuto, al Comune di Montréal, dal sindaco Denis Coderre: i due hanno discusso sul ruolo delle città nella scena internazionale, sulla fragile tregua in Siria e sull’accoglienza dei rifugiati siriani in Canada. “È solo attraverso una responsabilità condivisa che possiamo risolvere il problema dei profughi siriani”, ha detto Ban Ki-moon. Chiamato a commentare l’accoglienza di 25 mila rifugiati siriani da parte del Canada, Ban Ki-moon ha risposto che, sebbene si tratti di un “piccolo” numero, dimostra comunque un’ “enorme solidarietà”. In merito al conflitto siriano, poi, ha sottolineato l’importanza di fornire aiuti umanitari alle popolazioni civili. “Decine di migliaia di persone hanno un disperato bisogno di aiuto per sopravvivere. Le Nazioni Unite – ha proseguito – continueranno a fornire assistenza umanitaria per salvare vite umane”. Ban Ki-moon – che nelle ore precedenti aveva incontrato anche il Premier Justin Trudeau, il qualche ha manifestato la ferma volontà di ottenere un seggio non permanente al Consiglio di sicurezza – non ha risparmiato una frecciatina all’ex Premier del Canada, Stephen Harper: dopo che Coderre gli ha ricordato come l’ultima visita in città di un segretario generale delle Nazioni Unite risalisse a Boutros Boutros-Ghali nel 1994, Ban Ki-moon ha rilanciato dicendo di essere “tornato in Canada, perché il Canada è tornato”, riprendendo una frase del neo Primo Ministro liberale.

Il sindaco Denis Coderre, dal canto suo, ha dichiarato che, nel corso di un incontro durato circa 30 minuti, hanno parlato di diverse questioni, tra cui la tutela dell’ambiente, la lotta contro la radicalizzazione, l’elettrificazione dei trasporti e le conferenze internazionali che si svolgeranno a Montréal. “Oggi è veramente il giorno della consacrazione delle città come governi di affinità”, ha detto il Primo Cittadino.  Dopo la visita al Comune, Ban Ki-moon è stato ospite della McGill University ed ha incontrato i rappresentanti della International Civil Aviation Organization (ICAO), che ha sede a Montréal dalla fondazione nel 1947. In serata, invece, ha partecipato ad una cena ufficiale con il Primo Ministro del Québec, Philippe Couillard. Il giorno dopo, Ban Ki-moon e Denis Coderre hanno visitato il Centro di prevenzione della radicalizzazione. “Si tratta di una priorità per le Nazioni Unite, in collaborazione con Stati membri come il Canada, per affrontare ed eliminare le cause profonde del terrorismo”. Coderre ha affermato che il centro costituisce un “modello unico”, ricordando che è stato inaugurato lo scorso novembre, appena otto mesi dopo la sua edificazione. (V.G.)

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*