“Non tutti possono essere Italiani”…

Il 3 dicembre lo spettacolo di Roberto Medile al CLDV

roberto-medile7653

Montréal – “Non tutti possono essere Italiani… però vale la pena provarci”. Ne è convinto Roberto Medile, artista poliedrico e direttore artistico del Centro Leonardo da Vinci, che ha voluto ‘provocare’ così il pubblico montrealese invitandolo allo spettacolo per pochi ‘eletti’ (massimo 50 appassionati seduti comodamente in poltrona), che si terrà il prossimo 3 dicembre nella cornice dal Salone dei Governatori del Centro Leonardo da Vinci. Insieme a lui ci saranno il pianoforte e la chitarra, per un totale di 14 brani musicali (1h e 20 minuti in tutto), intervallati da simpatici monologhi sui tratti caratterizzanti dell’italianità (come la gestualità, la superstizione, le tanti virtù ed i pochi vizi).

“Io sono italiano, un italiano vero, un ‘prodotto’ di origine controllata”, ci spiega Medile. “Non lo dico per vantarmi – aggiunge -: è la pura sacrosanta verità. Questo valore aggiunto, questo regalo, me lo ha fatto Dio fin dalla nascita: mio padre è Italiano, mia madre è Italiana, mio fratello è Italiano, le mie sorelle sono Italiane. Allora sono Italiano. Un italiano vero”. “Gli italiani – continua – non sono perfetti. No, sono molto più che perfetti…. Sono Italiani! È vero che ci sono dei miti. Non tutti gli Italiani hanno fatto fortuna in America. No. Ce ne sono, che sono in mezzo a una strada. Sì costruiscono le strade, le autostrade….Un altro mito: gli Italiani sono degli amanti incomparabili. Beh, questo forse è vero. Che volete – conclude -… non tutti possono essere italiani. Però, vale la pena provarci”. La sfida ai quebecchesi (e non solo) è lanciata. Se volete saperne di più, partecipate numerosi: Roberto conta su di voi! Anche perché il buonumore, la musica e le canzoni, cullano i sogni, rompono la noia e rendono la vita più bella.

LASCIATEVI ANDARE. Biglietti: 20 $, parcheggio gratuito. Info: 514 955 8370.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*