Santa Cabrini: onorati Paventi e Molson

Il consiglio di amministrazione della Fondazione Santa Cabrini insieme al Presidente-Direttore Generale del CIUSSS Est di Montréal , Yvan Gendron, e ai donatori Geoff Molson, Giuseppe Paventi e Charles Richard “Charlo”

Il consiglio di amministrazione della Fondazione Santa Cabrini insieme al Presidente-Direttore Generale del CIUSSS Est di Montréal , Yvan Gendron, e ai donatori Geoff Molson, Giuseppe Paventi e Charles Richard “Charlo”

Montréal – Passano gli anni, ma il Santa Cabrini resta un importante presidio sanitario: non solo per gli italo-canadesi, ma per tutti i cittadini dell’est dell’isola di Montréal. Un ospedale che si rinnova e si ingrandisce per restare al passo dei tempi e garantire servizi di prima qualità ai suoi pazienti. Basti pensare che, solo negli ultimi anni, è stato creato il nuovo Padiglione che comprende il Servizio di risonanza magnetica, il Centro di Formazione, ma soprattutto il nuovo Centro di lotta contro il cancro, costato 2 milioni di dollari. Un’opera finanziata dalle svariate iniziative di raccolta fondi, ma soprattutto dalle donazioni di migliaia di donatori, oltre che di facoltosi filantropi. E così, il 27 ottobre scorso, il Santa Cabrini ha deciso di ‘ricambiare il favore’, rendendo omaggio a tre suoi generosi donatori: la Fondazione Molson, Giuseppe e Antonietta Paventi di JPMA e l’artista Charlo. Maestro di cerimonia dell’evento è stato Rocco Famiglietti, che, alla presenza dei membri del consiglio d’amministrazione, ha presentato i 3 donatori e poi dato la parola a Charles Argento, presidente del consiglio d’amministrazione della Fondazione Santa Cabrini, ed a Yvan Gendron, presidente e direttore-generale del Centro Integrato universitario della sanità e dei servizi sociali dell’est di Montréal.

Insieme, i due dirigenti hanno inaugurato una targa di riconoscimento a nome della Fondazione Molson, in presenza di Geoff Molson, presidente del consiglio della Brasserie Molson Coors, presidente e direttore del Club de hockey Canadien, Centro Bell ed Evenko, oltre che membro della Fondazione Molson (che esiste dal 1981). A seguire, Argento e Gendron hanno svelato una targa celebrativa a nome della famiglia di Giuseppe e Antonietta Paventi e l’azienda JPMA Global (fiore all’occhiello di tutta la comunità italiana e, in particolare, del quartiere di Rivière-des-Prairies), che è stata installata nella sala d’attesa del nuovo Centro di lotta contro il cancro.

Le tue targhe, installate nel nuovo Centro di lotta contro il cancro, vogliono essere un gesto di riconoscenza per l’importante gesto di generosità e per il sostegno dimostrato nei confronti della missione della Fondazione dell’ospedale, che è quella di potenziare l’accessibilità e la qualità dei servizi sanitari.

In particolare, il generoso contributo dei Paventi ha permesso di realizzare l’arredamento della sala d’attesa occupata dai pazienti che devono ricevere un trattamento presso il Centro e alle loro famiglie. Joseph Paventi, arrivato in Canada nel 1960, ha fondato l’azienda familiare riconosciuta a livello internazionale e specializzata nella produzione e installazione di attrezzature e decorazioni per negozi. L’originalità del design, l’innovazione e il servizio al cliente hanno permesso all’azienda di conoscere un grande successo meritando numerosi riconoscimenti per la qualità e l’eccellenza.

Charles Argento e Yvan Gendron hanno infine svelato due opere d’arte dai colori luminosi e accesi – “Lumière d’automne” e “Prises aux lassos” – gentilmente offerte dal pittore Charles Richard “Charlo”. I due quadri adornano splendidamente i muri della sala d’attesa del nuovo Centro di lotta contro il cancro. Charles Richard è consapevole della missione della Fondazione Santa Cabrini e non perde occasione per donare i suoi quadri, che poi vengono venduti all’asta in occasione delle tante attività di beneficienza (che finora hanno fruttato decine di migliaia di dollari). È possibile ammirare una parte della sua collezione presso la Galleria
d’arte NuEdge di Montreal (galerienuedge.com).

Condividi

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*